a
working hours
& contact

Mon – Wed 10:00 – 21:00
Thur & Fri 12:00 – 20:00
Weekend 12:00 – 21:00

Follow Us
Image Alt
  /  news   /  MAP: MOUNTAIN AWARENESS PROJECT

Studio C3

MAP: MOUNTAIN AWARENESS PROJECT

Come può la nutrizione influenzare la performance?

Quanto conta la “testa” nello sport?

Il progetto MAP nasce dalla collaborazione di due figure professionali: una Biologa Nutrizionista ed una Psicologa Sportiva, che lavorano all’interno dello Studio Central3 con sede a Ciriè in provincia di Torino.

Perche MAP?

Mountain perché è un percorso che si rivolge nello specifico alle attività outdoor svolte in montagna, ambito che nella sua particolarità richiede diverse abilità (non solo tecnico fisiche) e specifica preparazione

Awareness significa consapevolezza, fondamentale nel percorso di crescita e punto nodale del lavoro congiunto svolto in campo nutrizionale e mentale: è una condizione in cui la cognizione si fa profonda e in perfetta armonia con il resto della persona

Project ovvero progetto, un’ideazione accompagnata da uno studio mirato e specifico, in divenire e modificabile in base all’utenza a cui si rivolge e alle necessità mostrate. Non si tratta di un percorso già stabilito da seguire ma di una costruzione ogni volta nuova e malleabile

La passione personale che Lara e Irene hanno per la montagna ha permesso che le loro competenze professionali crescessero e si sviluppassero in tal senso, rivolgendosi quindi al benessere e alla prestazione degli sportivi praticanti attività outdoor in tale ambito.

Due le domande di partenza:

Come può la nutrizione influenzare la performance?

Quanto conta la “testa” nello sport?

La visione che accomuna entrambe è quella di un approccio centrato sulla persona, che porta con sé specifici bisogni, ritmi, punti di forza, aree critiche e necessità: ognuno merita uno sguardo diverso ed ognuno ha bisogno di stabilire obiettivi diversi. Altro punto fondamentale nel loro lavoro risulta l’autonomia: per entrambe una buona riuscita dipende anche e soprattutto dal grado di autonomia che la persona raggiuge nella gestione del proprio corpo e della propria mente nella vita quotidiana così come nella pratica sportiva.

Il progetto MAP parte da questi presupposti e si rivolge ad atleti amatoriali e sportivi professionisti che hanno deciso di incentrare la propria vita attorno alle proprie passioni e che richiedono e riconoscono l’importanza di un approccio allo sport non solo strettamente rivolto ad aspetti tecnico-fisici.

La collaborazione con l’atleta e guida alpina François Cazzanelli si fonda proprio su questi presupposti: sport, passione, lavoro, fiducia, curiosità e voglia di migliorare. 

Il percorso viene costruito insieme: non esistono schede predefinite da seguire, né formule magiche che garantiscano sempre e comunque il successo. Non esistono scorciatoie.

Questo però non vuol dire seguire un programma pesante, difficile o “stretto”: se associato ad emozioni positive, divertimento e sfida, infatti, l’apprendimento sarà più rapido ed efficace. Così come si allenano i muscoli, l’apparato cardiocircolatorio e quello respiratorio, occorre allenare lo stomaco, l’intestino, il metabolismo e la “testa” per raggiungere i propri obiettivi.

Ci piace sottolineare di nuovo l’unicità dell’essere umano: così come non tutti gli sportivi sono sportivi “da tabella”, non tutti gli apparati digerenti reagiscono allo stesso modo; le composizioni biochimiche individuali presentano notevoli differenze ed allo stesso modo pensieri, credenze ed emozioni si esprimono in maniera differente.

Gli obiettivi sono molteplici e complessi:

come è possibile integrare diversi tipi di allenamento, aumentando la consapevolezza rispetto al proprio corpo e al proprio sport per rendere autonomo l’atleta, preparandolo ad esprimersi nel modo migliore possibile, in diverse situazioni e contesti?

Però a noi le sfide piacciono… E a voi?

Dott.ssa Lara Masperone – Biologa Nutrizionista

Dott.ssa Irene Cardonatti – Psicologa clinica e dello Sport